Applicazione e dosaggio del cannabidiolo (olio di CBD)

Il CBD (cannabidiolo) si trova principalmente nella fibra di canapa e non contiene THC (tetraidrocannabinolo), principio psicotropo di diverse varietà di canapa. Quando si utilizza l’olio di CBD non si ottengono effetti stupefacenti, quindi è legale.

La produzione di oli di canapa è molto limitata, perché ci sono solo circa 50 piante approvate per la produzione. Queste devono avere un contenuto di THC inferiore allo 0,2%.

I semi della pianta di canapa vengono pressati dopo la raccolta mediante un’attenta spremitura a freddo attraverso un frantoio. La raccolta si svolge dalla fine di luglio fino alla fine di settembre.

Un altro processo di produzione aggiunge un estratto di CBD puro e naturale all’olio di canapa per ottenere un prodotto prezioso.

L’olio di CBD contiene molti nutrienti essenziali per l’organismo umano, che possono essere utili se applicati in base al bisogno o alla percezione del dolore.

Il cannabidiolo aiuta contro:

  • infiammazione
  • tumore
  • acne
  • diabete
  • disturbi del sonno
  • danni al cervello e al fegato
  • allergie e asma
  • e molte altre patologie

Ingestione, applicazione e dosaggio dell’olio di CBD

Le quantità che andremo ad indicarvi sono raccomandate per gli adulti con circa 60-90 kg. A seconda della risposta e della tollerabilità del proprio corpo, bisognerebbe poi aumentare o diminuire le dosi. È importante tenere sempre a mente che ogni corpo reagisce in modo diverso.

Ingerire l’olio di CBD goccia per goccia. Il gusto può risultare un po’ strano. Se il gusto è troppo forte, si può anche diluire l’olio con dell’acqua, ma ciò ridurrà l’effetto del CBD.

Per il dolore lieve allo stomaco e disturbi digestivi, la dose è di circa 3 gocce mattina e 3 gocce di sera (2% di CBD)

In caso di stress, tensione e ansia si possono assumere circa 3 gocce al mattino, 3 durante il giorno e 3 la sera.

I pazienti con acne severa possono anche usare l’olio che aiuta a ridurre il contenuto di grasso della pelle e funge da antinfiammatorio.

Inoltre, ai pazienti oncologici che non ricevono trattamenti tradizionali come la chemioterapia vengono a volte somministrati oli di canapa con un contenuto di THC particolarmente elevato. Tuttavia, Questi tipi di oli non possono essere venduti in Italia.

Possibili effetti collaterali dell’olio di CBD

L’assunzione di cannabidiolo può provocare lievi effetti collaterali, come diminuzione dell’appetito, diarrea e sonnolenza.